Norica Nicolai: Presidenza semestre UE, la prima della Romania

In occasione della Presidenza del Semestre Europeo da parte della Romania, abbiamo intervistato uno dei membri più in vista, Norica Nicolai. Avvocato e politico rumeno, candidata a ricoprire il ruolo di Ministro della Giustizia nel proprio paese, nel 2000 Accademia ONU per Dirigenti Politici; nel 2001 alla Università di Harvard – John F. Kennedy School of Government; fino al 2008 membro del Senato rumeno quale vicepresidente della commissione per la difesa, l’ordine pubblico e la sicurezza nazionale, presidente della commissione per gli affari giuridici, le nomine, la disciplina, le immunità e la ratifica, vicepresidente del senato (servizio pubblico, governo). Dal 2009 deputato al Parlamento europeo, vicepresidente della sottocommissione per la sicurezza e la difesa, membro della commissione per gli affari esteri, membro della delegazione alla commissione di cooperazione parlamentare UE-Russia, membro supplente della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, membro supplente della commissione per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere e membro supplente della delegazione per le relazioni con l’Assemblea parlamentare della NATO (istituzione UE). Attualmente Vicepresidente Gruppo dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa; Membro Commissione Europea per la pesca, Membro Delegazione Parlamentare Associazione UE-Moldavia; Membro Delegazione Assemblea Parlamentare Euronest.

Si tratta della prima Presidenza Europea della Romania, un grande passo per la vostra nazione, si può considerare un punto di arrivo di un lungo percorso?

Indubbiamente, le presidenze a rotazione del Consiglio dell’Unione europea sono diventate un luogo comune per molti Stati membri, ma per la Romania, un paese che ha aderito all’Unione europea nel 2007, questa è la sua prima volta. Certamente, questi anni sono stati vitali per la storia del nostro paese. La presidenza è sicuramente un evento storico, soprattutto considerando l’agenda che siamo tenuti a gestire, che è difficile: la Brexit e il bilancio dell’Unione europea nell’era post-Brexit. Sfortunatamente, gli ultimi 30 anni dopo il 1989 non furono così facili per la Romania. Fino al 2007, abbiamo dovuto superare un periodo difficile dato che avevamo obiettivi come l’adesione all’Unione europea e alla NATO. Abbiamo raggiunto i nostri obiettivi ma non in modo semplice, direi piuttosto in maniera complicata.

Lei ha vissuto l’evoluzione della Romania dalla guerra fredda alla Presidenza Europea attuale, come è cambiato il mondo in questo periodo, e le speranze che si avevano sono state realizzate?

Il mondo è cambiato molto rapidamente in questo periodo. Gli anni succedutisi dal 2007, con le crisi economiche globali che hanno colpito anche l’UE e la Romania. Abbiamo dovuto affrontare fenomeni a cui non eravamo abituati e per i quali spesso non avevamo soluzioni immediate. È stato un viaggio difficile dal comunismo al capitalismo, ma la grande domanda che rimane e per la quale non penso di avere una risposta è: “A che tipo di capitalismo ci stiamo avvicinando?”. Poiché lo stato di benessere generale in Europa ha già molti problemi, il capitalismo sta diventando sempre più caotico, i cittadini europei sono sempre più difficili da accontentare e sono molte le questioni legate al cambiamento del modello di come arrivare alle decisioni politiche. Questo fenomeno ha colpito non solo la Romania e il suo percorso europeo, ma penso che abbia pervaso l’intera Europa. Direi che in questo momento siamo ad un bivio in cui ogni Stato membro deve analizzare la sua posizione nella struttura dell’Unione e pensare cosa è necessario fare affinché l’Unione europea diventi sempre più democratica nei confronti dei suoi cittadini per essere più vicina ai cittadini e non perseguire politiche nell’interesse dei vari governi. Queste sono, a mio avviso, le condizioni principali per l’UE per avere un futuro.

Attualmente le donne al Parlamento Europeo sono il 36,4%, ritiene che ci siano ancora grandi passi da fare per arrivare ad una vera parità tra uomini e donne e quali intendimenti si dovrebbero mettere in atto?

L’uguaglianza di genere è una politica che ha recentemente segnato decisioni europee e nazionali. Come liberale, trovo difficile accettare il sistema socialista che promuove le quote, ovviamente penso che sia importante coinvolgere più donne nel processo decisionale all’interno delle istituzioni politiche dell’Unione europea. Ritengo altresì che la condizione primaria deve essere la meritocrazia. Se privilegiamo la competizione tra uomini e donne, dobbiamo trovare esattamente quegli uomini e quelle donne che sono in grado di servire gli interessi di coloro che li hanno eletti, che riescono a prendere le loro decisioni, nel pieno rispetto del processo legislativo del Parlamento europeo.

Sotto la guida della Romania ci saranno almeno tre grandi problemi da affrontare, la brexit, le elezioni europee, il bilancio a lungo termine 2021-2027, vi aspetta un protocollo particolarmente impegnativo, quali sono le vostre previsioni?

Ci sono tre problemi principali da affrontare durante questa presidenza rumena del Consiglio europeo, e sembrano essere i problemi più difficili con i quali l’UE ha dovuto confrontarsi negli ultimi vent’anni. Di gran lunga il problema più complicato di tutti è Brexit: per la prima volta, un paese decide di lasciare l’Unione Europea. Ciò rappresenta una vulnerabilità nell’UE. L’attuale contesto in cui un paese lascerà l’UE senza un accordo può causare molti problemi comportamentali per l’Unione europea e per la Gran Bretagna. Non possiamo sapere esattamente quale sarà l’impatto economico, sociale e politico per l’Unione europea né per gli inglesi e spero sicuramente che la lezione sulla Brexit non sarà considerata come una situazione “come al solito”. Noi, quelli che hanno scelto di continuare nell’Unione europea, dovremmo cercare di trarre conclusioni da questa amara lezione di fronte alla quale ci troviamo oggi. Dobbiamo vedere se la burocrazia ed il processo decisionale di Bruxelles, abbiano in qualche modo provocato la mancanza di fiducia dei cittadini europei. La Brexit per me è la prova che i cittadini britannici non sono riusciti a soddisfare le loro aspirazioni all’interno della comunità europea. In questo contesto, le prossime elezioni europee rappresenteranno un segnale forte, perché, se consideriamo il tasso di partecipazione nelle ultime due tornate, le elezioni non sono state sempre interessanti per i cittadini europei e penso che questa volta dovrebbero far sentire in maniera forte la loro voce, votando, per bilanciare i risultati degli stati membri che hanno una opinione piuttosto negativa o euroscettica nei confronti dell’Unione Europea. Inoltre, ritengo necessario ripensare il funzionamento di alcune istituzioni e, in particolare, della Commissione europea che, a mio avviso, deve attuare le decisioni politiche del Consiglio e del Parlamento e fare meno politica. Il comportamento dell’ultima Commissione europea ha portato a elementi che hanno allontanato o diminuito la quota di credibilità di questa istituzione.

Lei è una esperta di giustizia, che è uno degli acquis della Comunità Europea, lei ritiene che si dovrà arrivare ad avere un sistema della giustizia uniforme in tutta la Comunità Europea?

Il sistema giudiziario europeo è stato oggetto di controversia tra gli Stati membri, nonostante le due decisioni della Corte di Giustizia dell’Unione Europea in Lussemburgo degli anni ’60, quando è stata stabilita la priorità del diritto europeo rispetto al diritto nazionale. È ciò che noi, giuristi, chiamiamo l’effetto diretto della legislazione europea sul diritto interno. Tuttavia, siamo in un processo di costituzionalizzazione dei trattati, che, in linea di principio, possono essere considerati contrari alle costituzioni dei nostri stati nazionali. Credo che negli ultimi anni la legge europea abbia cercato di imporre un’egemonia della visione su alcune istituzioni, un’egemonia che non ha effetti positivi e può creare elementi di controversia. Voglio evidenziare alcuni aspetti di questo problema, vale a dire la condizionalità dell’accesso ai fondi europei a seconda dell’esistenza dello stato di diritto, una nozione che non ha una definizione comune né criteri di applicazione comuni nella legislazione europea e che può essere usata impropriamente contro alcuni Stati che recentemente erano sotto controllo. Un altro esempio è la questione della nomina del procuratore europeo. La procedura per questa nomina è controversa e non trasparente, è cambiata durante il periodo di attuazione, il che ha creato frustrazione in molti Stati membri, tra cui l’Italia, e potrebbe generare sfiducia in questa istituzione. Di fatto, la Corte di Giustizia Europea è l’unico tribunale che può pronunciarsi sulla legalità della questione. Se conveniamo tutti sul fatto che il diritto è espressione della volontà comune con le costituzioni degli Stati membri, gli effetti delle decisioni giuridiche possono essere positivi. Quando lo Stato di diritto è espressione dell’interesse di uno o alcuni Stati membri, può generare frustrazione e ciò influisce sulla coesione dell’Unione europea, esattamente la situazione che stiamo affrontando oggi. In una famosa decisione del 2009 sull’interpretazione del trattato di Lisbona, la Corte costituzionale tedesca di Karlsruhe ha scelto di difendere la sovranità nazionale della Germania e ha ricordato che l’Unione europea è stata negoziata sulla base di trattati internazionali e che tali procedure dovrebbero essere conformi a questo principio e non quello delle organizzazioni internazionali. Ecco perché credo che almeno nei prossimi mesi non possiamo parlare nell’Unione europea del concetto di una legge comune nel campo della giustizia.

I prossimi passi per la Romania dovrebbero essere l’entrata nello spazio Schengen e nella Eurozona, l’Europa ha chiesto ulteriori passi in avanti su temi come la giustizia, avete una tabella di marcia per perseguire questi due obiettivi?

Purtroppo, il trattato di Schengen non è attualmente rispettato nell’Unione europea. È un trattato tremendamente tecnico senza condizioni politiche, che ha generato una grande quantità di frustrazione per i cittadini dell’Est, incluso il mio paese. Il mancato rispetto del trattato di Schengen e l’introduzione di politiche condizionali sono un chiaro esempio di inosservanza del trattato che è tollerato a causa degli interessi di alcuni Stati membri. Certo, penso che sia importante per la Romania e la Bulgaria aderire allo spazio Schengen, siamo il confine orientale dell’Unione e nelle condizioni di un’ondata migratoria, il nostro comportamento per proteggere i confini dell’Unione è vitale per l’intera Unione. Tuttavia, la Germania ha scelto di trattare con la Turchia e ha quasi negoziato un accordo per fermare i flussi migratori, che a mio parere non è affatto una soluzione. Non dimentichiamo che l’Unione si trova di fronte a una crisi del debito pubblico e sebbene la Banca Centrale Europea sia quella che sovraintende ai principi bancari dell’Unione, le soluzioni e gli effetti di queste crisi hanno conseguenze importanti sul futuro politico dell’Unione. L’esempio della Grecia è stato il primo segnale che l’unione monetaria non aveva abbastanza meccanismi per far fronte a questa situazione. Inoltre, credo che l’area dell’euro sia uno spazio che deve essere sostenuto non solo dalla volontà politica di alcuni Stati membri, ma anche da una realtà economica che faccia convergere in tutti i paesi membri della zona euro. Ricordiamo tutti la proposta di un ministro delle finanze dell’eurozona, anche un parlamento comune, una proposta che è stata rapidamente respinta dai grandi Stati membri. Penso che la Romania debba entrare nella zona euro quando sarà ben preparata, quando l’economia rumena avrà una crescita sostanziale e quando la struttura sociale del nostro paese sarà rafforzata dall’esistenza di una vera borghesia. Non è solo una semplice decisione. La Romania dovrà valutare il suo interesse e sforzarsi di non rimanere un’economia periferica, ma una economia solida che ci consenta di svolgere un ruolo all’interno dell’eurozona e non solo di essere l’arredo necessario di altri tipi di interessi.

Che ruolo può avere l’Europa per mantenere la pace e la stabilità nel mondo, come regolatore dei conflitti di interesse economici tra stati, la pesca di cui lei si occupa ad esempio, è oggetto di numerosi trattati come il recente in Adriatico.

Il presidente Trump è il primo leader americano che ha destabilizzato il comportamento stereotipato dei leader politici americani da più di 30 anni. Il presidente Trump, che alcuni considerano un populista, promuove ferocemente gli interessi nazionali, e il suo internazionalismo è fortemente apprezzato dai suoi sostenitori i quali credono che prendersi cura degli interessi del popolo americano non sia qualcosa che si possa rimproverare a un leader politico. Certo, ci sono accordi negoziati a livello internazionale che gli Stati Uniti hanno denunciato, anche alcuni che possono avere conseguenze importanti per l’Unione europea, e con ciò, in particolare l’accordo di Parigi, ma anche l’accordo con l’Iran sulla più recente denuncia della componente nucleare da parte della Stati Uniti e del trattato missilistico con la Russia. Tutti questi fatti possono generare controversie e persino insicurezza nello spazio europeo. La Russia, gli Stati Uniti e la Cina sono i principali attori della scena internazionale, e io oso dire la Cina, a causa del loro particolare sviluppo dell’economia che tende a diventare a volte il principale attore al mondo. Penso che le tensioni tra questi poteri siano molto difficili da conciliare nel contesto dell’allineamento degli interessi dell’UE con gli interessi di questi specifici stati, e questo è diventato sempre più visibile nella disputa pubblica tra i leader europei, gli Stati Uniti, la Russia e la Cina. Guardando oltre questa realtà è importante che ogni stato consolidi la propria economia, essendo questa una delle condizioni principali di un’Europa sociale. Non si può pretendere un livello di vita migliore, non si può raggiungere la realizzazione di principi di uguaglianza e equità tra i cittadini finché uno stato non è in grado di fornirli, quindi credo che sia importante agire per rafforzare gli interessi nazionali. Non penso, per esempio, che l’Italia dovrebbe evitare di concludere accordi commerciali bilaterali con altri stati, se i suoi interessi sono a beneficio dei cittadini italiani. È molto difficile a questo punto valutare quale sarà la conseguenza di queste tensioni generate da crisi ripetute e soprattutto da quelle economiche. Speriamo di dovere solo affrontare conflitti riguardo la promozione dei nostri rispettivi interessi piuttosto che quelli relativi alla pace globale.

Dove dovrebbe migliorare l’Europa per aumentare la percezione e la coesione dei cittadini nello spirito comunitario?

Si discute molto sulla necessità di democratizzare le istituzioni europee. Indubbiamente, sia il Parlamento che il Consiglio, devono trovare soluzioni per una procedura più rapida e trasparente per l’adozione di una legislazione che sia allineata con gli interessi dei cittadini. Non dobbiamo dimenticare che questa costruzione europea è stata fatta per i suoi cittadini. Se l’Europa vuole esistere, deve rimanere una Europa dei cittadini e non solo il risultato del dialogo tra i governi. Le voci dei cittadini sono espresse attraverso il voto, attraverso le loro scelte politiche in ciascuno Stato membro. Ciò deve essere rispettato in particolare dall’Unione europea, credo che il Parlamento Europeo dovrebbe avere un maggior numero di iniziative legislative rispetto alla Commissione Europea, poiché sono gli elettori a scegliere i propri rappresentanti. Molti politici ricordano gli interessi dei propri elettori, l’obbligo di consultarli, purtroppo solo durante le campagne elettorali e questo rappresenta una vulnerabilità per un’organizzazione di cui tutti noi abbiamo scelto di far parte. Tuttavia, le nostre scelte e le scelte dei cittadini europei sono condizionate e basate sul rispetto con cui trattiamo ciascuno Stato membro e ogni governo degli Stati membri.

[Intervista in inglese a Norica Nicolai]

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Norica Nicolai: Presidenza semestre UE, la prima della Romania"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*