I Paesi APEC si preparano al New normal

In vista del prossimo Summit della Cooperazione Economica Asiatico-Pacifica, in calendario a Novembre, la Nuova Zelanda, il paese ospitante, ha chiesto che i 21 Paesi membri trovino un accordo per introdurre strumenti che agevolino una circolazione più rapida dei vaccini tra i paesi, eliminando gli ostacoli e ritardi doganali. La proposta sarà discussa alla prossima riunione dei ministri del commercio dell’APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation) prevista per il 5 giugno. Il meeting si concentrerà sul sostegno alla ripresa economica della regione Asia-Pacifico, e verrà presieduta dal ministro neozelandese per il commercio e la crescita delle esportazioni, Damien O’Connor.

La proposta neozelandese ha comunque già ricevuto il sostegno di alcuni paesi, tra cui la Thailandia, che ha inoltre espresso la sua candidatura a ospitare la riunione dell’APEC il prossimo anno. Bangkok ha ribadito il suo sostegno a tutte le principali iniziative proposte dalla Nuova Zelanda, per facilitare la distribuzione dei vaccini, suggerendo che i paesi dell’APEC non limitino le esportazioni, ad eccezione di alcune restrizioni specificate dall’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC). La Thailandia ha anche appoggiato la proposta sul movimento di tutti i beni essenziali, comprese le attrezzature mediche, i beni alimentari, e i prodotti agricoli.

La pandemia COVID-19 ha causato interruzioni significative alle catene di approvvigionamento nella regione e ha evidenziato la necessità per i governi di prendere in considerazione strategie per una maggiore resilienza, come suggerito dall’ultimo rapporto APEC. “La maggior parte delle preoccupazioni sollevate sulla resilienza della catena di approvvigionamento sono state condivise dalla comunità imprenditoriale, ma si può fare di più per gestire la resilienza a livello di policy”, afferma il dott. Akhmad Bayhaqi, senior analyst dell’APEC Policy Support Unit.

La regione APEC ha prodotto quasi il 60% del valore aggiunto di produzione globale (MVA) negli ultimi due decenni, distribuito principalmente tra i suoi hub principali. I blocchi dovuti al COVID-19 hanno interessato questi hub, causando gravi interruzioni della catena di approvvigionamento. Solo nei primi quattro mesi del 2020, la regione APEC ha registrato un calo delle esportazioni del 6,3% e delle importazioni del 5,5% rispetto al 2019. “I tentativi delle aziende di ridurre i costi della catena di fornitura concentrandosi su produzione snella, offshoring e consolidamento tra fornitori sembrano aver aumentato il rischio globale della catena di fornitura globale e ridotto la flessibilità”, spiega Satvinderjit Kaur Singh, ricercatore dell’APEC Policy Support Unit. “Ciò ha portato a richieste di maggiore resilienza all’indomani del COVID-19”. Tuttavia, migliorare la resilienza non è un esercizio facile o gratuito, sottolinea il rapporto. Le catene di approvvigionamento globali sono state formate sulla base dei collegamenti aziendali che avrebbero fornito il risultato più efficiente in termini di costi, in modo che le imprese possano posizionarsi in modo competitivo nei mercati globali. Le recenti interruzioni hanno portato alla luce il difficile dilemma per le aziende nella scelta tra efficienza e maggiore resilienza.

“Sebbene i concetti di delocalizzazione e reshoring siano stati ampiamente considerati nella prima parte della pandemia, ciò comporta costi di produzione più elevati e danneggia le prospettive globali a lungo termine”, spiega Singh.

“Sono necessari investimenti per costruire catene di approvvigionamento più resilienti”, aggiunge il dott. Bayhaqi. Il miglioramento della produzione just-in-time, combinato con la giusta tecnologia e altre strategie come la creazione di cuscini sotto forma di inventario, migliorando capacità o tempi di consegna, nuova progettazione di piani di emergenza per possibili shock della catena di approvvigionamento può aumentare la resilienza.

Il rapporto chiede ai governi di evitare interventi politici che potrebbero interrompere la configurazione efficiente delle catene del valore globali. Piuttosto che considerare il commercio come la causa principale della vulnerabilità della catena di approvvigionamento, il rapporto suggerisce che i responsabili politici guardino al commercio globale come parte della soluzione per raggiungere la resilienza. “I governi possono concentrarsi sulla promozione della digitalizzazione e della visibilità della catena di fornitura, rafforzando la cooperazione regionale sul commercio, la connettività e l’apertura economica “, afferma il dott. Bayhaqi. “Le operazioni doganali e la cooperazione possono essere migliorate applicando l’automazione e la digitalizzazione attraverso piattaforme come il sistema a finestra singola”.

I governi dovrebbero sfruttare i trasferimenti di conoscenze e le ricadute di produttività ottenute dalle catene di valore globali per le aziende locali e supportarvi nel mantenere le competenze e il know-how che hanno acquisito dalle loro reti di catene di fornitura. Le riforme strutturali potrebbero anche svolgere un ruolo cruciale nello sviluppo di un ambiente normativo stabile e prevedibile che consenta alle catene del valore globali di operare e ricalibrare le loro strutture di rete durante la ripresa da una pandemia.

“Non esiste una soluzione facile per le interruzioni della catena di approvvigionamento”, afferma la dott.ssa Rebecca Sta Maria, direttore esecutivo del segretariato dell’APEC. “L’obiettivo per le economie oggi è costruire una resilienza duratura guardando le loro catene di approvvigionamento in modo più olistico, armonizzando la regolamentazione, digitalizzando i processi e creando un certo livello di ridondanza per consentire la flessibilità”. “La cosa importante per andare avanti è garantire che una maggiore fiducia nei partner commerciali e una più profonda integrazione regionale, coinvolgendo le micro, piccole e medie imprese, e formino parte integrante della strategia dell’APEC verso una ripresa economica resiliente e inclusiva”, conclude la dott.ssa Sta Maria.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "I Paesi APEC si preparano al New normal"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*