Odio senza quartiere

Ormai siamo all’odio senza quartiere. Ci si odia perché non porti la mascherina nel modo giusto, perché il tuo comportamento è sbagliato e si reputa che possa essere dannoso, si odia per ogni cosa. Poi ci sono i fomentatori di odio, quelli che sparano verità verissime senza tema di essere confutate e accompagnate da anatemi. Mi riferisco al giornalista con la Porsche che ha scritto in sostanza “fate un po’ come vi pare, poi quando sarete in terapia intensiva mi farò grasse risate”. Caruccio vero? La cosa deprimente però è che un numero ampio di persone che io pensavo fossero normali, hanno amplificato le sue parole condividendole nei social come a dire “quando ce vò ce vò”. A me tutto questo spaventa; non mi piace l’eccesso di opinione, non mi piace l’anatema in sé e non mi piace chi pensa di potersi sostituire a Dio, sempre se esiste. Il te l’avevo detto sempre in agguato rende alcune persone portatrici sane di verità e guai a contraddirle, rischi maledizioni ben più grandi.

Non sarebbe il caso di fare un passo indietro? Di fermare questa onda che porta solo cose orrende? Vi sentite più figaccioni se scrivete o dite robe estreme? Io non so. Non è mai saggio e non fa bene a nessuno l’odio gratuito.

Stessa cosa vorrei riferirla, cambiando qualche verbo, a quei buontemponi del giornale satirico francese. Ma la volete piantare di disegnare vignette orrende che fanno ridere forse i polli? Sono notizie di poche ore fa che i soliti noti islamici fanatici intolleranti e via dicendo hanno ammazzato alcune persone a Nizza per odio contro la rivista.

Ecco, si evidenzia il  fallimento dell’integrazione e anche se in episodi isolati riemerge il fatto che loro sono diventati sempre di più gli intoccabili e quindi niente satira niente scherzi, o almeno scherza solo con i fanti. Forse il loro dio vale di più ? Non saprei, io sono atea. E penso che quando si mette di mezzo brutta satira e religione niente di buono ne esce fuori. E tutti i Jesuischarlie dove sono? A fare la comunione?

E’ sempre e solo l’odio che ci trasforma e ci fa diventare peggiori. Ma non odiare non fa like, è roba da perdenti oppure da vecchie signore.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Odio senza quartiere"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*