Dalle agenzie stampa

(AGENPARL) – Roma, 01 lug – GRECIA, SALATTO (PI): RUSSIA E CINA SONO DIETRO L’ANGOLO – Conosco il popolo greco quanto quello italiano grazie anche alla loro lingua che parlo ed al rapporto di amicizia e stima  che si è creato negli anni con i suoi abitanti. Non avrei mai pensato certo di vivere una esperienza come quella di questi giorni drammatici. Un Paese smarrito i cui cittadini si sentono traditi da una Europa cinica, senza cuore, pronta ad abbandonare un popolo che ha dato molto all’umanità in termini di cultura. Cittadini che non vedono un futuro perché delusi anche da un premier, Tsipras, che in campagna elettorale aveva, con grande determinazione, illuso i suoi elettori di poter rimettere, senza ulteriori sacrifici, le cose a posto. Così non è stato, anzi le cose sono precipitate nell’apprensione generale.

Io che ho vissuto una esaltante esperienza parlamentare in Europa, non avrei mai immaginato che si potesse arrivare a tanto nei confronti di un Paese, certamente debole, ma che, proprio per questo, merita la solidarietà delle Nazioni più forti. Così come è, l’Europa non va bene. La politica non può e non deve cedere alla finanza, all’economia ma deve guidarle nell’interesse comune e non di pochi. Dove è finita quella solidarietà, anche economica, che noi cittadini europei abbiamo espresso per la unificazione della Germania? La signora Merkel , cittadina dell’Est, dovrebbe ricordarselo ,quanto meno, per onestà intellettuale e morale. Se oggi è Cancelliere del suo Paese lo deve anche a noi tutti, Greci compresi.

Come può l’UE chiedere perentoriamente agli Stati Membri riforme strutturali, istituzionali quale condizione per la crescita e poi non fare nulla in tal senso nell’ambito delle stesse strutture europee? Dov’è la “ spending review “del Parlamento Europeo? Dove sono le revisioni dei Trattati ormai obsoleti (Dublino 2 per l’immigrazione; Basilea 3 per le banche; ecc. ecc.)? Davvero si può immaginare alla lunga un governo europeo a conduzione Franco-Tedesco che sta impoverendo tutti? Certo oggi la Grecia paga anche aver creduto, in buona fede, alle promesse di Tsipras . Questo sia di monito a tutti noi cittadini di vari Stati, con presenze politiche in espansione grazie ai loro slogan populisti, certo allettanti ma assolutamente, poi, incapaci di offrire proposte alternative, serie, credibili a chi a Bruxelles mena una danza macabra.

Indetto il referendum ed espressosi per la uscita dall’euro a  Tsipras, in caso di vittoria di coloro che vogliano restare in Europa, non  resta che dimettersi ed andare a nuove elezioni, nella speranza che gli elettori sappiano, questa volta, trovare un più abile mediatore Premier. Il Governo italiano, nel frattempo, e i nostri europarlamentari, ovunque collocati, si attivino a giocare  un ruolo di  mediazione affinché la Grecia non venga messa alla porta. In caso contrario saremo tutti più poveri non solo economicamente ma, soprattutto, moralmente, culturalmente ,idealmente.

Noi non dimentichiamo il detto : “Italiano – Greco una faccia una razza”. Attenti: l’atavico orgoglio greco potrebbe prima o poi reagire duramente con effetti imprevedibili ed incalcolabili per tutto l’Occidente! Russa e Cina sono dietro l’angolo”.

Lo dichiara Potito Salatto, Vice presidente dei Popolari per l’Italia, in una nota.

©Futuro Europa®

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Dalle agenzie stampa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: