Articoli di Roberto Falcone

Superare il capitalismo municipale

Molta gente, anche dotta, ritiene che i Comuni facciano bene a essere proprietari delle aziende della nettezza urbana, della gestione idrica, di quelle del trasporto pubblico locale, dell’energia, perché così il profitto di queste attività rimane all’ente pubblico anziché andare


Roma, ACEA e acqua pubblica

Il referendum del 2011 ha confermato che l’acqua, sia superficiale che del sottosuolo, così come le reti infrastrutturali idriche e fognarie, sono beni comuni, quindi non privatizzabili, ma non ha reso illegittimo che possano essere private le attività di produzione