Esteri

La crisi ucraina

Il 21 Novembre, il Governo ucraino rinuncia a siglare un accordo di libero-scambio e di cooperazione con l’Unione Europea, appena una settimana prima della firma ufficiale prevista a Vilnius. I negoziati naufragano su una delle condizioni poste dagli Europei: il


Cronache britanniche

Londra – Una possibile uscita del Regno Unito dall’Unione Europea preoccupa non solo le grandi aziende come ribadito a chiare lettere qualche settimana fa dalla CBI (Confederation of British Industry), ma anche e soprattutto l’intero settore finanziario, che esprime forti


L’Argentina manda a Roma “lo sceriffo”

Dopo 45 giorni di assenza dalla presidenza per ragioni di salute, la “Presidenta” dell’Argentina ha ripreso il potere e introdotto profonde novità nel suo governo. In un breve video di sei minuti la Kirchner, non più vestita a lutto, annuncia


Erdogan, ambizioni infrante in Medio Oriente

Lo scorso fine settimana il Cairo ha espulso l’Ambasciatore turco e il suo omologo egiziano è stato definito “persona non grata” da Ankara. Nel frattempo, la Turchia sta affrontando un vasto sforzo di riavvicinamento con i suoi vicini sciiti, Iran



Sudamerica, la Cina non è più tanto vicina

Al crollo dell’impero luso-spagnolo, gli inglesi furono pronti con la loro “home fleet” ad assicurarsi l’egemonia sui vasti spazi ricchi di materie prime del Sudamerica. Per tutto il secolo XIX, le deboli e sottosviluppate repubbliche della regione ricorsero al capitale