Pastafarianesimo, parodia o folle religione?

Se fosse nata in Italia avrebbe preso piede più rapidamente e si sarebbe radicalizzata in un popolo che ha la pasta come caposaldo della propria alimentazione ed elemento base di ogni cucina regionale. Ma è accaduto in America e, probabilmente per non cadere in una moda esterofila, il Pastafarianesimo non si è sviluppato da noi.

Nel 2005 il fisco statunitense Bobby Henderson menzionò per la prima volta il “Prodigioso Spaghetto Volante” (Flying Spaghetti Monster) in una lettera scritta per protestare contro la decisione del Kansas State Board of Education di consentire l’insegnamento del Disegno Intelligente come alternativa all’evoluzione nelle lezioni di scienze nelle scuole pubbliche. Negli Stati Uniti il problema non è da poco ed il racconto della Genesi sull’origine del mondo è insegnato come argomento scientifico e non un dogma o materia di natura teologica. Esistono anche movimenti che combattono per far assurgere il Disegno Intelligente a vera e propria teoria scientifica.

Lasciamo agli americani il dibattito e torniamo a Henderson il cui scopo, sempre ribadito, è quello di tenere la religione lontana dalle scuole pubbliche. Per farlo non esitò, in risposta alla decisione della scuola di assegnare, nei corsi di biologia, lo stesso tempo alla spiegazione della creazione da parte di Dio e a quella dell’evoluzione darwiniana, la lettera che rappresenta il documento con cui viene portata a conoscenza del mondo questa religione. Faceva anche notare che l’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush supportando l’insegnamento delle teorie non evoluzionistiche nulla potesse avere contro l’insegnamento del Pastafarianesimo.

Le spiegazioni addotte sull’origine di questa religione sono decisamente convincenti in quanto, effettivamente, sono le stesse alla base del Cristianesimo. L’Universo è stato creato da un invisibile, quindi non rilevabile Prodigioso Spaghetto Volante in preda a una intossicazione alcolica che ha portato ad un Creato imperfetto.

Quando vengono effettuati test di datazione, come il carbonio-14, il Prodigioso Spaghetto Volante interviene modificando sistematicamente i risultati mediante la Sua Spaghettosa Appendice. Il riscaldamento globale, i terremoti e gli altri disastri naturali sono conseguenza diretta della diminuzione dei pirati (proprio quelli dei Caraibi) ed è stato fornito un grafico che prova la proporzionalità inversa tra il numero dei pirati e la temperatura globale. Henderson sviluppò probabilmente questo dogma in risposta alle tesi secondo le quali il numero di disastri, guerre e carestie sono dovute a una carenza di rispetto e venerazione nei confronti di Dio.

Le regole del pastafarianesimo sono semplici. Le preghiere terminano con la parola “Ramen”, come gli spaghetti giapponesi; i fedeli devono indossare un vestito da pirata. Nel 2007 uno studente della Carolina del Nord venne sospeso perché indossava indumenti pirateschi e questi si oppose sostenendo che tale provvedimento era una palese violazione del suo culto.

Il Pastafarianesimo ha i propri otto comandamenti (condimenti) dettati dal Prodigioso Spaghetto Volante al Capitano Pirata Mosey durante il suo vagare sul Monte Sugo. In origine erano dieci ma, nel fare ritorno ne perse due. Questi comandamenti sono chiamati dai pastafariani gli otto “Io preferirei davvero che tu evitassi”. Elenchiamoli.

  1.  Io preferirei davvero che tu evitassi di comportarti come un asino bigotto “più-santo-di te” quando descrivi la mia spaghettosa bontà. Se qualcuno non crede in Me, pace, nessun problema! Dico davvero, non sono mica così vanitoso. E poi non stiamo parlando di loro, quindi non cambiare argomento!
  2.  Io preferirei davvero che tu evitassi di usare la Mia esistenza come motivo per opprimere, sottomettere, punire, sventrare, e/o, lo sai, essere meschino con gli altri. Io non richiedo sacrifici, e la purezza è adatta all’acqua potabile, non alle persone.
  3.  Io preferirei davvero che tu evitassi di giudicare le persone per come appaiono, o per come si vestono, o per come camminano, o, comunque, di giocare sporco, va bene? Ah, e ficcati questo nella tua testa dura: Donna = Persona. Uomo = Persona. Tizio noioso = Tizio noioso. Nessuno è meglio di un altro, a meno che non stiamo parlando di moda e, mi spiace, ma ho dato questo dono alle donne e a qualche uomo che capisce la differenza fra magenta e fucsia.
  4.  Io preferirei davvero che tu evitassi di assumere comportamenti che offendano te stesso, o il tuo partner consenziente, maggiorenne e mentalmente maturo. Per chiunque avesse qualcosa da obiettare, penso che l’espressione corretta sia “Andate a farvi f******”, a meno che tale espressione non sia ritenuta troppo offensiva. Nel qual caso possono spegnere la TV e andare a farsi una passeggiata, tanto per cambiare.
  5.  Io preferirei davvero che tu evitassi di sfidare, a stomaco vuoto, le idee odiose, bigotte e misogine degli altri. Mangia, e solo dopo prenditela con gli s******.
  6.  Io preferirei davvero che tu evitassi di erigere chiese/templi/moschee/santuari multimilionari in onore della mia spaghettosa bontà, perché tali soldi potrebbero essere meglio spesi per (fai la tua scelta): A. Sconfiggere la povertà; B. Curare le malattie; C. Vivere in pace, amare con passione, e ridurre il prezzo delle connessioni internet. Posso anche essere un essere onnisciente dai carboidrati complessi, ma apprezzo le cose semplici della vita. Dovrei saperlo, no? Io SONO il Creatore!
  7.  Io preferirei davvero che tu evitassi di andare in giro raccontando alla gente che ti ho parlato. Non sei mica così importante. Finiscila! E poi ti ho detto di amare il tuo prossimo, mi capisci o no?
  8.  Io preferirei davvero che tu evitassi di fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te se sei uno che apprezza, ehm, cose che fanno largo uso di pelle/lubrificanti/Las Vegas. Se anche l’altra persona le apprezza (purché si rispetti il quarto punto), allora dateci dentro, fatevi foto, e, per l’amor di Mike, indossate un preservativo! In tutta onestà, è un pezzo di gomma. Se non avessi voluto che fosse piacevole farlo, avrei aggiunto delle spine, o qualcos’altro

Come gli spaghetti i pastafariani hanno standard morali sottili. Ogni venerdì (detto anche “beverdì”) è una festività religiosa e in paradiso troveranno una fabbrica di spogliarelliste o spogliarellisti, a seconda del proprio orientamento, e d un vulcano di birra. Esiste anche un inferno dove il vulcano erutta birra stantia e le/gli spogliarelliste/i hanno malattie veneree.

Sembrano tutte ottime ragioni per convertirsi. O già abbiamo chi vorrebbe uno scisma per l’esclusività della carbonara?

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Pastafarianesimo, parodia o folle religione?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*