Equity in Health

Il 13 giugno 2019 è stato firmato dal Ministro della Salute dell’epoca il Decreto con cui viene adottato il Piano per l’applicazione e la diffusione della Medicina di Genere, previsto dall’articolo 3 della Legge 3/2018, approvato in Conferenza Stato-Regioni pochi giorni prima.

L’Italia tra molti è stata una delle prime nazioni a capire l’importanza della medicina di genere. Differenze tra uomini e donne sono state osservate sia nella frequenza che nella sintomatologia e gravità di numerose malattie, nella risposta alle terapie e nelle reazioni avverse ai farmaci: un approccio di genere nella pratica clinica consente di promuovere l’appropriatezza e la personalizzazione delle cure.

In quest’anno di presidenza italiana del G20, il W20 tratterà insieme alle delegate di 19 Paesi, tutti i temi dell’empowerment femminile. E per la prima volta si parlerà anche di Medicina di genere in tutti i suoi aspetti.

La Medicina di Genere studia l’impatto del “genere” tenendo conto anche di variabili non solo biologiche ma anche ambientali, culturali e socio-economiche, con l’obiettivo di comprendere i meccanismi attraverso i quali le differenze legate al genere agiscono sullo stato di salute e sullo sviluppo delle patologie; tutto questo con lo scopo di fare in modo che ci siano trattamenti sempre più adeguati.

Il W20 ha istituito la Commissione Equity in Health proprio per colmare il divario tra persone e politica con azioni mirate ad aumentare la diffusione e gli investimenti in strategie efficaci per affrontare le disuguaglianze di genere nei sistemi sanitari.

A presiedere la Commissione è stata chiamata la Professoressa Flavia Franconi, una delle prime in Italia a occuparsi di questo tema. La professoressa Franconi è stata recentemente nominata componente dell’Osservatorio nazionale dedicato alla salute di genere. C’è molto lavoro da fare ma la Commissione si avvale dei massimi esperti italiani e internazionali del settore. Lo scopo è produrre un documento da sottoporre ai leader del G20 e di porsi come una sorta di super esperte del tema. Molto ambizioso il programma ma impostato con la certezza di essere sulla strada giusta per un consistenze miglioramento della sfera salute dell’universo femminile.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Equity in Health"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*