Il declino di Berlusconi

Silvio Berlusconi ha preso una posizione di punta sulla guerra in Ucraina: l’Europa deve convincere Kiev ad accettare le richieste di Putin. Cioè cedere, senza combattere, fette del proprio territorio e accettare una neutralità disarmata.

Cosa ha agito sulla mente dell’anziano politico? Declino mentale, disperato bisogno di restare al centro della destra, o più semplicemente il riflesso della vecchia complice amicizia con il despota di Mosca?

Che tristezza! Dove è finito lo “statista”, europeo, atlantico, filoamericano, che garantiva l’aggancio dell’Italia ai valori occidentali? A fare il servo sciocco di Putin?

Ma al di là del declino mentale di un uomo, quello che spaventa è la deriva a cui la destra, se vincesse il prossimo anno, potrebbe imprimere alla nostra politica estera, deriva che ci porterebbe fuori del nostro mondo naturale e dei nostri veri interessi.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Il declino di Berlusconi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: