Salute di genere

Non ho mai pensato in vita mia a come i medicinali vengano testati prima di essere messi sul mercato. Poi nel 2006 ho conosciuto e ho iniziato a collaborare con la professoressa Flavia Franconi, un’importante farmacologa italiana. Credo che anche le persone poco istruite sulla terra siano ben consapevoli che gli uomini e le donne hanno ormoni diversi; eppure, i test per valutare gli effetti di medicinali sono, a partire dalla base, eseguiti in maggioranza su cavie di laboratorio quasi sempre di sesso maschile.

È chiaro che allora l’effetto sulle donne può essere sbagliato o non sufficiente. Le cose sono cambiate ma non del tutto e in questa prospettiva e per questo il W20 Italia ha istituito la Commissione Equity in Health.

Nel 2021, quando l’Italia ha presieduto il G20, il W20, insieme alle delegate di altri 19 Paesi, ha discusso il tema e per la prima volta si è parlato di Salute e Medicina e dell’aspetto del genere, e di come il genere sia un dato fondamentale in quasi tutti gli altri aspetti dello studio.

La Commissione studia l’impatto del “genere”, che include variabili come l’ambiente, la cultura, lo stato socio-economico e come questi potrebbero influenzare maschi e femmine in modi diversi.

L’obiettivo è comprendere i vari processi attraverso i quali le differenze di genere impattano sulla salute e sullo sviluppo di altre patologie, al fine di offrire la migliore protezione e cura per ogni individuo, maschio e femmina, ponendo così fine alla discriminazione di genere attualmente riscontrata in ambito sanitario.

Il W20 ha istituito la Commissione “Equity in Health” per colmare il divario tra persone e politica, con azioni volte ad aumentare la diffusione e l’investimento in strategie efficaci per affrontare la disuguaglianza di genere nell’assistenza sanitaria.

C’è molto lavoro da fare, ma la Commissione si avvale dei migliori esperti italiani e internazionali del settore. Il risultato del loro lavoro è stato presentato ai  leader del G20. È un progetto ambizioso, ma siamo certi di essere sulla strada giusta. Un percorso che porta al miglioramento sostanziale della salute di tutte le donne del mondo.

La sottorappresentazione delle donne significa che la “normalità delle donne” è ancora sconosciuta, quindi è necessario che i singoli governi finanzino piani strategici per colmare questo divario. Questi studi dovrebbero essere multidisciplinari e intersettoriali. Solo così si arriverebbe a una vera parità.

La conoscenza della “normalità” è necessaria per avere farmaci e dispositivi medici più appropriati per tutte le persone. Al fine di promuovere il sesso e la ricerca basata è necessario adottare misure come è accaduto in Europa per i farmaci pediatrici, vale a dire un sistema di obblighi e incentivi per le aziende che attuano.

Sono fermamente convinta che i governi debbano valutare le conseguenze delle misure di bilancio sulla salute in base al genere. Il presidente di Kowani che ha parlato all’inizio dell’evento ha detto che “investire nella salute è investire nel futuro”. Condivido il suo desiderio. Ma vogliamo investimenti fatti con una visione di genere e studi basati sul sesso e sul genere.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "Salute di genere"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: