UE-India, relazioni in evoluzione

India ed Europa sono due potenze mondiali che stanno cercando nuovi modi per rafforzare i loro rapporti. Lo scorso 29 aprile, con 594 voti favorevoli, 34 contrari e 63 astenuti, il Parlamento Europeo ha votato una relazione per avviare una maggiore collaborazione tra India ed Europa, condizione indispensabile per affrontare le sfide geopolitiche. L’India e l’Unione europea condividono gli stessi valori democratici e sono chiamate ad affrontare sfide comuni, come quella del cambiamento climatico. L’accordo di partenariato tra la UE e l’India offre un approccio diverso ai modelli consolidati di cooperazione allo sviluppo promuovendo la cooperazione politica con i partner strategici dell’UE consentendo l’instaurazione di un dialogo politico più ampio con tali partner, ma ciò nonostante, la strada da fare per una più completa cooperazione tra i due paesi è ancora lunga.

L’UE e l’India hanno firmato una collaborazione strategica nel 2004 che prevedeva la condivisione di valori comuni e l’impegno a rispettare un ordine globale basato su regole precise e incentrato sul multilateralismo. Inoltre, nel 2020, i due paesi hanno sottoscritto una tabella di marcia fino al 2025 per una collaborazione strategica. L’India è una delle economie più grandi e in più rapida crescita del mondo. Prima della pandemia da COVID-19, il suo prodotto interno lordo ha registrato un aumento di circa il 6% ogni anno. Se l’India corrisponde al nono partner commerciale più importante per l’UE, quest’ultima rappresenta invece il primo partner commerciale per l’India. Difatti, nel 2019, l’11,1% del commercio indiano è dipeso dall’UE, e solo dopo fanno seguito gli Stati Uniti e la Cina (10,7%). Diverse sono le cause che hanno portato all’aumento del commercio e degli investimenti tra i due paesi: il commercio di prodotti è aumentato del 72% negli ultimi dieci anni e, nello stesso periodo, l’afflusso di investimenti esteri da parte dell’UE è aumentato dall’8% al 18%; il che ha fatto assumere all’UE il ruolo di più importante finanziatore estero dell’India. Circa 4.500 aziende europee sono attive in India, creando di conseguenza 6 milioni di posti di lavoro diretti e indiretti. Tuttavia, tutti gli sforzi di negoziato per raggiungere un accordo di libero scambio sono stati finora vani. L’UE e l’India, rispettivamente al terzo e al quarto posto al mondo in termini di emissioni di gas serra, condividono un interesse comune nella lotta al cambiamento climatico e nella transizione verso un’economia sostenibile. Essendo le più grandi democrazie mondiali, l’India e l’Unione europea possono promuovere insieme il rispetto dei diritti umani, la democrazia e la parità di genere.

Lo strumento di partenariato (PI) è lo strumento dell’UE progettato specificamente per sostenere la collaborazione dell’Unione con partner strategici in tutto il mondo. Lo fa offrendo sostegno politico per rispondere alle sfide globali, proiettando la dimensione internazionale di Europa 2020, rafforzando le discussioni sull’accesso al mercato e stimolando il commercio, gli investimenti e le opportunità commerciali e promuovendo la diplomazia pubblica e la cooperazione accademica. Questo strumento facilita la cooperazione dell’UE con i partner strategici in tutto il mondo per avanzare congiuntamente sui reciproci interessi strategici e affrontare le sfide globali. Inoltre, finanzia attività per portare avanti l’agenda dell’UE con i paesi partner, traducendo gli impegni politici in misure concrete. PI consente all’UE e ai suoi partner strategici di plasmare congiuntamente il cambiamento globale e di promuovere valori fondamentali comuni.

Tuttavia, come evidenziato nella relazione adottata dalla Commissione per gli affari esteri, gli eurodeputati si sono dimostrati preoccupati per il peggioramento della situazione in India in materia di diritti umani, basti pensare alle difficoltà affrontate dalle donne e dalle minoranze e alla chiusura delle sedi indiane di Amnesty International. Allo stesso tempo, il Parlamento esprime preoccupazione per il deterioramento della situazione dei diritti umani in India, facendo eco ai commenti dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e di diversi relatori speciali delle Nazioni Unite. Ciò include rapporti secondo cui i difensori dei diritti umani e i giornalisti nel paese non dispongono di un ambiente di lavoro sicuro. Ci sono anche preoccupazioni per la difficile situazione in cui versano le donne indiane e i gruppi minoritari, la discriminazione basata sulle caste e la chiusura degli uffici indiani di Amnesty International dopo che i suoi conti bancari sono stati congelati per una presunta violazione del Foreign Contribution Regulation Act (FCRA) dell’India. , una legge che tre relatori speciali dell’ONU hanno chiesto di modificare. Il rapporto esprime anche allarme per quanto riguarda l’India’s Citizenship Amendment Act (CAA), che secondo l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani è fondamentalmente di natura discriminatoria nei confronti dei musulmani e pericolosamente divisiva.

Dopo la votazione, la relatrice Alviina Alametsä (Verdi/ALE, Finlandia) ha affermato: “L’India e l’UE, in quanto più grandi democrazie del mondo, hanno tutte le possibilità per costruire un pianeta migliore. Per realizzare il nostro potenziale, dobbiamo essere più ambiziosi nella nostra cooperazione sulla prevenzione delle crisi climatiche, la promozione dei diritti umani, la creazione di connettività, il commercio sostenibile e la difesa di un ordine internazionale multilaterale. Con questo rapporto, cerchiamo di promuovere un impegno più forte nei confronti dei nostri valori reciproci e di una partnership strategica che andrà a beneficio dell’Europa, dell’India e del mondo al di là. Stiamo adottando queste raccomandazioni mentre l’India sta lottando con la pandemia di COVID-19. In questo momento, l’impegno dell’UE nei confronti del partenariato con l’India e della solidarietà con tutti i cittadini e le comunità indiane è messo alla prova. Sostengo pienamente gli sforzi dell’UE per assistere l’India in modo rapido e spero che più Stati membri contribuiranno alla condivisione dell’assistenza in questa grave situazione. Nel 2019, l’Unione Europea e l’India hanno segnato 57 anni di relazioni diplomatiche. Le relazioni UE-India ora abbracciano molti settori, tra cui la cooperazione su questioni regionali, globali e di sicurezza, stretti legami commerciali ed economici, dialoghi settoriali sullo sviluppo sostenibile e la modernizzazione, la ricerca e l’innovazione, nonché i contatti interpersonali”.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "UE-India, relazioni in evoluzione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*