L’esodo russo dalla Corea del Nord

Un gruppo di  funzionari e diplomatici dell’Ambasciata russa a Pyongyang (una delle più grandi nella capitale nordcoreana) ha cominciato a lasciare il paese anche con una certa difficoltà di spostamenti. In una lettera pubblicata sui social, i diplomatici denunciano che “quasi nessuno può sopportare le restrizioni individuali imposte per il Coronavirus, l’assenza di beni essenziali, compresi medicinali e l’impossibilità di risolvere ogni problema di salute”. Nella lettera si anticipa che l’esempio sarà probabilmente seguito anche da altre Rappresentanze.

È una denuncia gravissima, venendo da rappresentanti di un regime “amico” e confermano, se ce ne fosse bisogno, il fallimento di una dittatura che semina solo povertà e disastri.

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Condividi

Sii il primo a commentare su "L’esodo russo dalla Corea del Nord"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: