#greenitaly

Puglia: WWF, scempio nel Parco del Gargano, abbattute 400 querce – “Orribile scempio nel cuore della Foresta Umbra (Parco del Gargano): grazie ad un blitz organizzato dai Carabinieri forestali, con l’intervento dello Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori Sardegna, reparto militare dell’Arma specializzato nel controllo delle zone più impervie, è stato bloccato un poderoso taglio illegale di querce: purtroppo ne sono state abbattute oltre 400 (molte delle quali secolari)”. Così il Wwf in una nota. “Nel corso dell’operazione – segnala l’associazione – è stata scoperta una vera e propria ‘pista forestale’ di 10 km realizzata abbattendo gli alberi dai quali sarebbero stati ricavati 2.800 quintali di legna pregiata”. “Si tratta di un gravissimo danno ecologico al patrimonio boschivo e al paesaggio del Parco Nazionale del Gargano – rimarca Nicolò Carnimeo, delegato Wwf Puglia – come Wwf faremo un ‘atto di significazione di parte offesa’ presso il Tribunale per poi costituirci parte civile e chiederemo che tra le imputazioni sia inserito il delitto di ‘Disastro ambientale’. Chiediamo inoltre che venga nominato al più presto il Presidente del Parco, c’è bisogno di una persona autorevole e di una presenza costante nelle aree di pregio per fermare i criminali di natura prima che si configurino danni ambientali di questa portata”. (AdnKronos)

Terra fuochi: stoccaggio rifiuti scoperto con i droni Prima applicazione pratica a Castel Volturno, nel Casertano – Prima applicazione pratica, a Castel Volturno (Caserta), per i droni messi a disposizione dalla Regione ai carabinieri per il pattugliamento dall’alto, in funzione di controllo ambientale, dei territori a cavallo tra le province di Caserta e Napoli ricompresi nella cosiddetta Terra dei Fuochi. Il drone telecomandato, guidato dai carabinieri del Gruppo Forestale di Reggio Calabria – nucleo Parco dell’Aspromonte – ha scovato in via dei Diavoli, a Castel Volturno, un’area di circa 6000 mq ove risultavano stoccati materiali di risulta e rifiuti solidi urbani. Dopo l’individuazione dall’alto della discarica abusiva, sono giunti sul posto i carabinieri della stazione di Castel Volturno, che hanno identificato i proprietari, informando poi il Comune, che ha emesso ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi mediante la bonifica del fondo e la recinzione dello stesso. Sono otto i droni acquistati dalla Regione per i controlli nella Terra dei Fuochi; i dispostivi sono stati presentati sabato dal Governatore Vincenzo De Luca nel corso di una cerimonia svoltasi a Marcianise (Caserta). (ANSA)

Sardegna: giunta, sinergia tra enti gestione beni ambientali isola Asinara – “La Regione lavora in sinergia per accrescere e dare corpo alle potenzialità di un bene ambientale dal valore inestimabile come il Parco dell’Asinara”. Lo ha detto oggi l’assessore della Difesa dell’ambiente della Regione Sardegna, Donatella Spano, in occasione del sopralluogo all’Isola dell’Asinara. L’assessore ha incontrato le autorità del Parco accompagnata dall’amministratore dell’Agenzia Forestas, Giuseppe Pulina, e dal direttore generale dell’Agenzia, Antonio Casula, del comandante del Corpo forestale, Gavino Diana e del commissario straordinario della Conservatoria delle coste, Gianni Pilia. Tra i temi affrontati oggi la programmazione degli interventi di Forestas attraverso apposite convenzioni con il Parco. Tra gli altri punti trattati la presentazione della convenzione operativa tra il Parco dell’Asinara e l’agenzia Forestas per la cattura delle capre allo stato brado e ormai inselvatichite che stanno creando gravi scompensi ambientali, la riorganizzazione del servizio del Corpo forestale sull’isola, la prossima apertura della nuova sede del Corpo forestale nello stabile che ospitava la Guardia di Finanza e il passaggio in comodato al Parco della colonia agricola dell’ex carcere. (Adnkronos)

Smog: Gattoni (cib), agricoltura soluzione, fino a -85% emissioni – “L’agricoltura, da fonte di emissioni, può diventare uno strumento importante per la riduzione dell’inquinamento atmosferico. Adottando pratiche di coltivazione di precisione e di minimo intervento si possono ridurre le emissioni dei mezzi agricoli anche dell’85%”. Così Piero Gattoni, presidente Cib – Consorzio Italiano Biogas, a proposito della questione smog all’attenzione della Commissione Ue. “Inoltre – aggiunge Gattoni – la produzione di biogas rinnovabile, tramite digestione anaerobica di sottoprodotti agricoli e di reflui zootecnici, consente di disporre del digestato, una risorsa naturale fondamentale che può sostituire i fertilizzanti chimici e che consente di stoccare il carbonio nel terreno, migliorando peraltro la resilienza del suolo. L’ulteriore raffinazione del biogas in biometano consentirebbe, infine, di alimentare mezzi agricoli, il trasporto pubblico e i mezzi pesanti, nonché le navi, riducendo ulteriormente e fin da ora le emissioni in atmosfera”. “Il modello Biogasfattobene elaborato dal Cib è tra i temi chiave del nostro prossimo evento Biogas Italy (Roma, 14 e 15 febbraio) – conclude Gattoni – e descrive un approccio sostenibile all’agricoltura, che può diventare un polmone di energia rinnovabile e uno strumento primario di decarbonizzazione, mantenendo intatta la sua capacità di produrre cibo e foraggi”. (AdnKronos)

©Futuro Europa® Le immagini utilizzate sono tratte da Internet e valutate di pubblico dominio: per segnalarne l’eventuale uso improprio scrivere alla Redazione

Print Friendly, PDF & Email

Sii il primo a commentare su "#greenitaly"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato


*